O Intensa Luce del mio Dio

La preghiera che segue è tratta dalla profonda spiritualità di Franca Cornado.

O Intensa Luce del Mio Dio, vieni in mio aiuto! Insegnami a parlare aiutami a tacere dirigimi nel camminare. Arrestami per sostare presso di Te affinché ogni parola detta o taciuta, ogni passo fatto o respinto, tutto sia nella perfetta volontà di Dio. Tutti i tuoi caldi raggi, o Luce Divina, mi diano l’equilibrio dei santi.

Dolce Luce

Questa invece la preghiera di Suor Teresa Benedetta della Croce, Edith Stein

Chi sei dolce luce che mi colmi e rischiari l’oscurità del mio cuore?
Tu mi conduci come la mano di una madre, se tu mi lasciassi, non saprei più muovere un passo.
Tu sei lo spazio: racchiudi e custodisci il mio essere.
Abbandonato da te a affonderebbe nell’abisso del nulla, da cui tu l’hai tratto alla luce.
Tu più vicino a me di me stessa più intimo del mio stesso intimo.
Eppur nessun ti tocca, inafferrabile fai scaturire ogni nome:
Santo spirito eterno amore

San John Henry Newman spiega la genesi di Kindly Light

Prima di iniziare il mio inno, mi stesi sul mio letto ed iniziai a singhiozzare un po’. Il mio servo, che mi accudiva quasi fosse la mia balia, mi chiese se stessi bene. Io potei soltanto rispondere, “Ho del lavoro da fare in Inghilterra”. Ero desideroso di tornare a casa, ma per mancanza di una nave sono stato trattenuto a Palermo per tre settimane. Ho iniziato a visitare le chiese, calmando la mia impazienza, anche se non ho partecipato a nessun servizio divino. Alla fine presi una barca arancione diretta a Marsiglia. Siamo stati bloccati per un’intera settimana nello Stretto di Bonifacio, ed è stato lì che ho scritto i versi Lead, Kindly Light che sono diventati così famosi.»

Kindly light il testo tradotto in italiano

Dirigimi, o graziosa Luce, attraverso il buio opprimente, Fammi strada! La notte è oscura e sono assai lontano da casa, Fammi strada!
Rinforza i miei piedi vacillanti: non ho bisogno di vedere cose troppe lontane, mi bastano quelle ad un passo da me.Non mi sono mai sentito come mi sento adesso: ti ho chiesto mai che fossi Tu a farmi strada?Preferivo cercare e scegliere da solo dove andare ma ora sii Tu a farmi strada!
Mi piacevano le giornate agitate, e vincendo ogni timore, l’orgoglio dominava il mio volere. Non ricordare però gli anni passati! Per tanto  tempo la tua forza mi ha custodito e certo ancora mi farà strada.
Tra brughiere e paludi, oltre rupi e torrenti, finché la notte sparirà…
E al sorgere del giorno rivedrò il sorriso di quei volti angelici che da molto ho amato e solo per un po’ ho smarrito.Nel frattempo Tu stesso hai calpestato per me il sentiero stretto e accidentato. Fammi strada, o Salvatore, portami a casa, te lo chiedo come un bambino fiducioso, a casa, al mio Dio. Per restare per sempre, nella riposante luce di una vita che non avrà mai
fine.

Clicca qui per tornare alla Pagina Iniziale

Claudio Pace 10 Gennaio 2021 SU ANVC2 2021 LUCE

Un pensiero su “ANVC2 2021 LUCE Secondo Circolo ANV”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *